FIDA - Federazione Italiana degli Artisti / Trento / Bolzano

 antonello serra 

tel.: 0461 828772
cel.: 339 2811904
antonello.serra@yahoo.it
www.antonelloserra.it
 

Antonello Serra è nato a Oristano il 6 febbraio 1967. Dal 1995 vive e lavora in Trentino. Inizia molto presto la sua attività artistica come autodidatta, non ancora diciottenne, ispirandosi ai grandi maestri del surrealismo come Salvador Dalì, Max Ernst e altri.
Nel corso degli anni esegue un'infinità di disegni e di studi e nel 2008 Antonello, in contemporanea al suo lavoro, decide di dare una svolta alla sua arte.
Si riappropria della sua terra, dei segni prenuragici e arcaici della Sardegna, approfondisce le tracce delle “Domus de Janas” e dei “Menir” e delle cassapanche sarde a lui molto care per le tracce raffinate incise sul legno di castagno, color sangue di bue, dagli artigiani di un tempo.
Così nasce il primo ciclo di opere “Infrusiadas” (Passaggi veloci) usando sacchi di juta, terre, pigmenti, legni, stoffe e terracotte.
Poi nel corso degli anni susseguono altri cicli: “Segni”, “Tracce della memoria”, “le Grandi Madri” le “Tabelle nuraghiche”.
Nel 2015 inizia la fase “Le civiltà invisibili”, tema che si ispira al dio Toro e alle scritture nuraghiche.
Alcune delle sue opere sono esposte in gallerie private a Barcellona e Berlino. Sempre nello stesso anno Antonello è ideatore e promotore del progetto artistico “Artisti a statuto speciale” con il quale ha coinvolto artisti sardi e trentini.
Molte sono le mostre, collettive e personali, che lo hanno visto protagonista; le principali città sono Cagliari, Oristano, Bosa, Tempio, Nuoro, Ghilarza, Napoli, Palermo, Bologna, Milano, Pisa, Arezzo, Venezia, Trento, Rovereto, Pergine Valsugana, Arco, Mezzolombardo, Viterbo, Roma, Treviso, Lugano, Berlino, Lisbona, Barcellona, Belgrado e altre.
Hanno scritto di lui: Antonio Agriesti, Augusto Biselli, Lucia Bonacini, Giuseppe Bosich, Tullio Campana, Claudio Cavallieri, Annamaria Cielo, Antonio Cossu, Fiorenzo Degasperi, Paolo Dolzan, Renzo Francescotti, Antonella Iozzo, LOME, Annachiara Marangoni, Salvatore Naitza, Erica Olmetto, Romano Perusini, Fulvio Pinna, Maurizio Scudiero, Maria Claudia Simotti, Walter Vettori.